Moxley: "La AEW una seconda casa"

Recentemente, Moxley e’ stato intervistato da Jim Alexander di Reeltalker.com per promuovere il suo ultimo film, Cagefighter, ora disponibile on-demand. Moxley dice che lui vuole combattere anche quando avrà 50 anni, ma che vuole rimanere fedele alla AEW e aiutarli a diventare una compagnia di successo, dicendo che finora la federazione di Jacksonville si e’ comportata bene con lui.

Mi piacerebbe lottare anche quando avrò 50 anni, almeno spero. Chissa’. La AEW sara’ sempre la mia seconda casa, almeno negli Stati Uniti.” Moxley continua, la AEW ha fatto così tanto per me ed io sto facendo il possibile per poter aiutare a costruire il brand e fare in modo che la federazione sia una vera e proprio alternativa, questione molto importante per tutta l’industria, ma la AEW deve lavorare per raggiungere quel tipo di successo. Non vado da nessuna parte. Sono fedele alle persone che si prendono cura di me e loro mi hanno trattato decisamente bene.”

Il campione inoltre dice che è molto orgoglioso dei traguardi che la AEW è riuscita a raggiungere durante la pandemia, nonostante le difficoltà che si sono presentate.

Sono diventato grande amico di Tony Khan, magnifica persona che è diventato il promoter di maggior successo negli ultimi anni dopo Vince. Siamo riusciti a creare qualcosa insieme e aver attraversato tutte queste difficoltà durante la pandemia mi rende più che orgoglioso della AEW.”

Fonte: mandatory.com

AllEliteRob