Road to DoN

La situazione di lockdown che ha caratterizzato le ultime settimane ci ha fatto temere per qualche tempo che il PPV di Double or Nothing sarebbe stato rinviato a data da destinarsi o addirittura annullato.

Fortunatamente il tempo ha smontato questa ipotesi, ma fino all’inizio di questa settimana ci ha lasciato con il dubbio che la AEW fosse in grado di costruire una card solida per l’evento in tempi davvero molto ristretti e con un roster ancora decimato, nonostante alcuni graditi ritorni.

Tuttavia, l’ultima puntata di Dynamite ha sciolto ogni dubbio: quella di Double or Nothing sarà un’ottima card, ricca di incontri potenzialmente spettacolari e molto intensi che sicuramente, ci terranno incollati allo schermo.

Una puntata, quella che ci siamo appena lasciati alle spalle, che ha riacceso numerose rivalità lasciate in sospeso durante il periodo di quarantena e ne ha costruite delle nuove in tempo record, ravvivando istantaneamente l’entusiasmo dei fan, che ora sono ancora più motivati ad acquistare l’evento in pay- per- view nonostante l’assenza del pubblico all’interno dell’arena.

Nel corso di tutta la puntata abbiamo visto numerosi scambi dentro e fuori dal ring; interazioni che sono andate ad accendere la miccia di storyline che esploderanno come dinamite il prossimo 23 maggio a Double or Nothing.

Lo spettacolare intervento di Rey Fenix ai danni di Orange Cassidy durante il match di coppia tra i Jurassic Express ed i Best Friends ne è l’esempio lampante.

Un momento durato davvero pochissimi secondi che ha scatenato una vera e propria reazione a catena, scagliando l’uno contro l’altro MJF e Jungle Boy da una parte e Lucha Saurus e Wardlow dall’altra.

In seguito, l’ottimo Fatal 4 Way femminile ha dato vita a due nuove faide dall’ottimo potenziale: Hikaru Shida contro Nyla Rose, con in palio il titolo di categoria e Kris Statlander contro una Britt Baker sempre più sadica ed aggressiva con la sua Mandible Claw.

Si è poi intensificata la rivalità tra Elite ed Inner Circle, grazie alla vittoria di Kenny Omega e Matt Hardy ai danni dei Proud & Powerful, ma soprattutto, grazie all’ennesimo straordinario promo di Chris Jericho, che ha sfidato l’Elite in un Stadium Stampede Match che già si preannuncia l’evento più atteso della serata.

Promo che ha visto anche la fine violenta del fedele compagno di avventure di Matt Hardy, il drone Vanguard 1 , che è stato abbattuto senza pietà da Jericho e Floyd, la sua mazza da baseball.

Inoltre, l’incontro andato in scena tra Chrisopher Daniels e Mr.Brodie Lee ha riaperto la possibilità di un futuro scontro tra gli SCU ed il Dark Order, nonostante l’Exalted One sia attualmente impegnato nella sua faida con il campione Jon Moxley, contro il quale si scontrerà proprio nel Main Event di Double or Nothing in una match che, immaginiamo, sarà molto violento e sarà valido per il titolo di AEW World Champion.

Infine, ricordiamo il grande annuncio fatto in puntata, riguardante il titolo TNT, che verrà presentato al vincitore del TNT Championship Tournament nientepopodimeno ché da “IronMike Tyson.

Insomma, in un’unica serata la All Elite Wrestling è riuscita a completare e rendere solida una card per la quale si nutrivano inizialmente molti dubbi, dovuti principalmente alla situazione anomala causata dalle misure restrittive adottate negli Stati Uniti per combattere il diffondersi del virus Covid-19.

La compagnia di Jacksonville ha dimostrato di essere ancora una volta un passo avanti e di essere in grado di affrontare gli imprevisti in modo a dir poco impeccabile, riuscendo a creare un prodotto di ottima qualità anche in situazioni avverse e a creare hype grazie, non solo ad ottimi booking, ma anche a manovre di marketing davvero geniali e sorprendenti.

Ora, non ci resta che aspettare di vedere come si evolveranno le storyline durante la prossima puntata di Dynamite, in attesa di vederle culminare il 23 maggio a Double or Nothing.

La Road to Double or Nothing è ufficialmente iniziata.

Bennie