TNT CHAMPIONSHIP TOURNAMENT

Chi ben comincia è a metà dell’opera

Il TNT Champioship Tournament, torneo che decreterà il primissimo campione TNT, è ufficialmente iniziato, gettando le basi per quella che si preannuncia come una vera e propria battaglia all’ultimo sangue tra tutti i suoi partecipanti, smaniosi di portare a casa la vittoria e di conseguenza, il quarto titolo di casa AEW.

Durante la scorsa puntata di Dynamite, svoltasi a porte chiuse, è andato in scena il primissimo match del torneo, che ha visto affrontarsi Cody e Shawn Spears in quello che senza dubbio è stato un buon incontro, senza esclusione di colpi e con un finale che potrebbe aver lasciato qualche dubbio, non tanto per il risultato, che ha visto prevalere l’ American Nightmare, quanto per il modo in cui è stata ottenuta la vittoria.

Lasciando da parte questo dettaglio, voglio invece concentrarmi su ciò che la AEW sta mettendo in piedi a partire da questo primo quarto di finale.

Da quando sono stati annunciati tutti i partecipanti, la All Elite Wrestling ha subito fatto notare un determinato tipo di atteggiamento rispetto alla gestione del torneo, che sembra essere ispirata ad un modello prevalentemente nipponico, nel quale siamo abituati a vedere degli ottimi incontri fin dalle prime fasi dell’evento; match intensi, con tabelloni ricchi di nomi ed atleti importanti.

Ovviamente, il problema causato dall’emergenza Covid-19 ha inciso non poco sul numero di atleti coinvolti nel torneo, il che non ci permetterà vedere combattere lottatori che sono sicuramente meritevoli di visibilità o di un titolo, come ad esempio Pac, Pentagon Jr. o MJF, (per nominarne alcuni tra i più acclamati), che sicuramente avrebbero alzato ancora di più il livello della contesa, sia da un punto di vista qualitativo, che dell’intrattenimento.

Tuttavia, il tabellone messo a punto dalla All Elite è di tutto rispetto e sicuramente ci regalerà degli ottimi match e molto probabilmente delle nuove rivalità degne di nota, mentre ne consoliderà delle altre, come quella tra Cody e Lance Archer che stiamo ormai vedendo costruire poco alla volta di settimana in settimana, grazie anche ai bellissimi promo registrati da Jake Roberts.

Ciò che si nota è l’impegno e la dedizione con cui la federazione di Jacksonville sta portando avanti idee apparentemente nuove per la scena americana, (ma che sappiamo essere frutto di una lunga esperienza giapponese da parte del team Elite), capaci di far fronte all’attuale situazione di emergenza globale che stiamo vivendo a causa della pandemia, regalandoci un intrattenimento di qualità e senza troppi fronzoli ed inutili aggiunte di situazioni artefatte a fare da contorno.

Ne emerge così, ancora una volta, il sentimento di dedizione che la AEW mette al servizio dei propri fan, regalando loro uno spettacolo degno di questo nome.

Il primo match tra Cody e Shawn Spears ha creato delle ottime aspettative per questo torneo, che si preannuncia essere l’evento portante delle prossime settimane.

Quindi, arrivati a questo punto, non ci resta che goderci i prossimi incontri ed aspettare la finale per vedere chi verrà incoronato primo campione TNT della storia.

Bennie